domenica 22 marzo 2015

Carlo Bo: Scuola Superiore per Mediatori Linguistici

Nel post in cui vi ho parlato della scelta universitaria (Non so quale università scegliere.), vi avevo anticipato che avrei discusso della mia precedente università.

Sono laureata in Scienze della Mediazione Linguistica alla Carlo Bo di Bologna. La Carlo Bo è una Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori con sede a Milano, Firenze, Roma, Bari e Bologna. La figura del mediatore linguistico è una figura recente, che riesce a riunire ampie aree di interesse. Gli sbocchi post laurea, infatti, sono numerosi: pubblica amministrazione, impresa, comunicazione, turismo, ecc.
Per essere un’università privata non è per niente costosa, anzi, mette a disposizione degli studenti un sistema di tasse differenziato a seconda della fascia di reddito. Non ci sono libri da acquistare per le materie di base, si lavora sulle fotocopie e con gli strumenti forniti in classe. Per le materie extra i costi dei libri sono veramente minimi. La sede di Bologna è facilissima da raggiungere, si trova a meno di 10 min a piedi dalla stazione dei treni e dalla stazione degli autobus.

Il programma triennale prevede:

I anno:
Laboratorio di lingua inglese I
Elementi di grammatica e strutture linguistiche
Principi della traduzione
Avviamento all'interpretazione
Laboratorio di seconda lingua I
(a scelta tra Francese, Spagnolo e Tedesco)
Elementi di grammatica e strutture linguistiche
Principi della traduzione
Avviamento all'interpretazione

Letteratura italiana contemporanea/Linguistica generale/Organizzazioni internazionali/Teoria e prassi della traduzione e dell'interpretazione di conferenza/Strumenti informatici per la traduzione e l'interpretariato.

II anno:
Laboratorio di lingua inglese II
Elementi di grammatica e strutture linguistiche 
Traduzione - Corso progredito
Interpretazione - Corso progredito
Laboratorio di seconda lingua II
(a scelta tra Francese, Spagnolo e Tedesco)
Elementi di grammatica e strutture linguistiche 
Traduzione - Corso progredito
Interpretazione - Corso progredito

Letteratura e storia della lingua inglese/Letteratura e storia della seconda lingua/Economia politica/Attività formative a scelta.

III anno:
Laboratorio di lingua inglese III 
Terminologie tecniche
Traduzione specialistica
Interpretazione specialistica
Laboratorio di seconda lingua III
(a scelta tra Francese, Spagnolo e Tedesco)

Terminologie tecniche
Traduzione specialistica
Interpretazione specialistica

Psicologia della comunicazione/Attività formative a scelta/Prova finale 
Sarà possibile effettuare dei corsi di lingua extra a pagamento.

Perché ve la consiglio?
È un’università tecnica, basata principalmente sui laboratori di lingua. Fornisce delle basi solide per intraprendere la carriera di interprete e traduttore.

Gli insegnanti sono dei professionisti, lavorano essi stessi come traduttori e interpreti e sono quindi in grado di fornire dei consigli preziosi.

L’ambiente è tranquillo e raccolto. Il numero di studenti per classe non supera le 10/15 persone. Nel mio caso, avendo scelto come seconda lingua il tedesco, eravamo in 2 ragazze.

È quasi impossibile rimanere indietro con gli esami. Gli studenti vengono seguiti passo dopo passo e la presenza obbligatoria è molto rigida. Non sono ammesse numerose assenze.

Io mi sono trovata benissimo e la rifarei altre cento volte (vabbè non esageriamo!). Dico sempre a chi mi chiede delle informazioni riguardo l’università che mi sono sentita seguita come al liceo. Non è il solito ambiente universitario in cui ci si perde, ci si ritrova sommersi dalla burocrazia e senza alcun aiuto. Le lezioni si svolgono dal lunedì al venerdì dalle 8:30 fino alle 17:30. Ovviamente l’orario non è continuato, ma le giornate sono belle lunghe. Questa è la scelta giusta da fare se vi piacciono le lingue, volete avere una preparazione tecnica e specializzata e siete stufi di ore e ore di teoria. È previsto un test di ingresso, sia scritto sia orale, niente di difficile e di insuperabile. Il livello di lingua consigliato deve essere un buon livello. Vengono ammessi anche studenti con una conoscenza base/media della lingua, però in questo caso vengono consigliati dei corsi extra da seguire e una preparazione personale più rigorosa in modo da rimanere al passo con gli altri studenti.

L’unico punto da migliorare e che personalmente inserirei all’interno di un piano di studi perfetto è un programma di informatica più approfondito e su misura per il mondo della traduzione.

Tutte le informazioni necessarie le trovate sul sito www.ssmlcarlobo.it
Vi consiglio di andare all’open day, ma se avete delle domande non esitate a lasciarmi un commento.

Se vi interessa il gossip Neri Marcoré si è laureato proprio alla Carlo Bo di Bologna!

Giulia S.

15 commenti:

  1. Mi sarebbe sicuramentepiaciuto questo corso.

    RispondiElimina
  2. sembra molto interessante, ottimo post curato e con molte info utili!!
    bacioni!!
    paolasophia.blogspot.it

    RispondiElimina
  3. che bello sentirti così entusiasta!

    RispondiElimina
  4. Grazie ragazze per essere passate! Si, in effetti conservo un buon ricordo di questa università. Avevo instaurato anche un buon rapporto con i miei colleghi, proprio perché eravamo in pochi.

    RispondiElimina
  5. Ciao a tutti mi chiamo Giulia e vorrei raccontarvi un po la mia situazione per un consiglio. Frequento l'università di lingue a Bari. Sono al terzo anno ma mi mancano due esami del secondo anno (ne ho fatto già uno del terzo). Da quando frequento questa università devo dire che ho imparato poco e niente visto che i professori non si soffermano più di tanto sulla lingua della vita reali ma semplicemente danno qualche traduzione qua e là che poi verrà corretta in classe. per non parlare delle materie inutili (es. musica contemporanea, storia del teatro)da fare come esami a scelta e che fanno perdere un sacco di tempo. Mi sono bloccata all'esame scritto di inglese II( l'ho fatto per ben 4 volte) si tratta di un riassunto con un T or F due traduzioni inglese italiano e viceversa e quattro frasi di reformulations (mai fatte al liceo). In più quest'anno ci sarà lo scritto di tedesco, la mia terza lingua scelta (mai studiata prima d'ora) e poi l'esame orale e sono molto preoccupata perché penso che mi bloccherò ulteriormente. Dire che i professori non sono competenti è dire poco, le classi affollate (a volte bisogna seguire da terra), il tirocinio per noi di turismo consiste nell'andare in agenzie di viaggio gratuitamente che non ti fanno fare nulla! Ad es.riordinare dei cataloghi negli scaffali. Tutto ciò è davvero avvilente. Vorrei un vostro consiglio se secondo voi che avete frequentato o frequentate la Carlo Bo, per una come me che non ha buone basi soprattutto in inglese potrebbe farcela visto che da quanto capito è comunque dura forse più dell'univerisità pubblica. Sono combattuta se terminare (non so neanche io come) questi 10 esami che che mi mancano per terminare la triennale oppure iscrivermi alla Carlo Bo con la speranza che mi convalidino alcuni esami (non vorrei rifare tutti e tre gli anni).
    Grazie in anticipo a chi mi risponderà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giulia. Io ho frequentato la triennale alla Carlo Bo e mi sto laureando per la specialistica all'università di lingue e letterature straniere. Voglio essere sincera con te, se non riesci a superare gli esami della tua università sarà difficile avere le competenze necessarie per la Carlo Bo. Il livello di lingua richiesto è alto. Inoltre essendo un'università privata non penso ti riconoscano degli esami, anche perché sono totalmente diversi. Il consiglio è quello di finire la triennale e poi magari fare il triennio alla Carlo Bo. Se non riesci a superare gli scritti chiedi aiuto ai prof. Fatti consigliare dei corsi di supporto o rifrequenta i corsi. Spero di esserti stata d'aiuto. Giulia.

      Elimina
  6. Ciao Giulia, post utilissimo! Io attualmente sono in quarta liceo linguistico e studio inglese spagnolo e tedesco. Mi sono imbattuta nel sito della Carlo Bo e ho cercato di farmi un'idea, ma preferisco sentire esperienze appunto da ex alunni come te. Prima di tutto, il test d'ingresso serve solo a determinare il livello della ligua o se non lo passi non puoi proprio frequentare l'università? E secondo, sai qualcosa sui corsi extracurricolari? Perchè mi interessava molto "lingua e cultura araba" ma non ho ben capito come si inserisce con i corsi curriculari. Spero di essere stata chiara,
    Ilaria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara.Grazie per essere passata.La Carlo Bo non è a numero chiuso, quindi si entra comunque a prescindere dal test.Se il test va male per un periodo lo studente frequenta delle lezioni in più.Però comunque come ho già scritto non vale la pena frequentare questa università senza avere delle buone basi. Si fa poca grammatica proprio perché viene data per scontato. I corsi extra cambiano a seconda della sede.Sono a pagamento e sono possibili solo se si raggiunge un numero minimo di iscrizioni. Non sono obbligatori,quindi per le materie a scelta ci sono altri corsi curricolari.

      Elimina
  7. Ciao Giulia, il tuo post é stato utilissimo! Andrò sicuramente alla giornata di orientamento per chiarire Ogni dubbio ma intanto Volevo chiederti una cosa: nei commenti hai detto Che la scuola non é a numero chiuso ma allora il test Che scopo ha? E soprattutto perchè sul sito viene precisamente indicato Un numero di posti disponibile? Non riesco a capire! Grazie in anticipo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia!Grazie per essere passata.Allora quando l'ho frequentata io avevano detto che c'erano dei posti limitati ma in realtà alla fine hanno preso tutti. Non so se le cose sono cambiate, poi magari avrai la certezza all'open day. Il test serviva solo per valutare il livello, anche se eravamo tutti nella stessa classe. In realtà per questo tipo di università, come ho già scritto, bisognerebbe partire da un buon livello di lingua. Però sai nelle università private puntano anche al numero degli iscritti. Alla fine è la persona che deve essere autonoma e capire se ne vale la pena spendere quei soldi o no. Spero di esserti stata utile.Giulia.

      Elimina
    2. Grazie mille per la risposta sei stata gentilissima!

      Elimina
  8. ciao, sono stato all'open day a Bologna qualche settimana fa, vorrei farti qualche domanda

    Le lingue che mi piacciono sono inglese spagnolo russo e tedesco, però ho visto che se ne possono fare solo 3.

    l'unica lingua che so è l'inglese, delle altre non so una parola, fai conto che sto per diplomarmi in un istituto tecnico, ma mi sarebbe sempre piaciuto impararle.

    Non vorrei diventare precisamente un mediatore linguistico ma mi piacerebbe tantissimo lavorare in altri settori, commercio, turismo, alberghi, vendita ecc...

    Ripartono dalle basi nelle lingue secondarie o a quale livello bisogna essere circa? ad esempio avevo capito che per la terza lingua partivano proprio da zero, giusto?

    Poi mi piacerebbe sapere quale sede trovi la migliore, se conosci qualcuno che è stato nelle altre

    Un'ultima cosa, hai conosciuto qualche laureato dalla Carlo Bo che ora lavora? se sì, dove?

    ciao grazie :)

    RispondiElimina
  9. Ciao Giulia, sto per iscrivermi al test all'università Carlo Bo di Bari. Avrei una domanda. Farò il test di inglese, per quanto riguarda la seconda lingua sono indecisa tra il tedesco e il cinese. Se effettuassi il test di tedesco e non lo passassi, potrei comunque fare cinese? O entrerei a prescindere?

    RispondiElimina
  10. Ciao Giulia, mi è piaciuto molto come hai spiegato la tua esperienza! Ho una domanda: un po' di tempo fa cercando notizie su questa università ho letto che nelle diversi sedi si approfondiscono aspetti della lingua differenti per esempio un'università era incentrata sull'aspetto turistico, un'altra su quello dell'immigrazione; tu ne sai qualcosa? O magari ho letto male �� Spero di essere stata chiara. Un bacio

    RispondiElimina
  11. Ciao Giulia, grazie mille per aver condiviso la tua esperienza! Mi sono appena iscritta al test d'ingresso, a scatola chiusa, visto che ormai siamo ad Agosto e il tempo stringe. Avrei una domanda: ho letto che a fine corso non ottieni la laurea, ma un diploma equivalente. Poichè il post era vecchiotto, che tu sappia, è ancora così? Grazie mille per ora! :)

    RispondiElimina

Fatevi avanti, non siate timidi.